Come si fa a capire se quella che si ha al proprio fianco è la persona giusta per una relazione stabile e duratura? Probabilmente se ci si sta ponendo questo quesito è perché si sono verificati degli “incidenti di percorso” che hanno inciso particolarmente, instaurando dei dubbi sulla propria relazione ed il proprio partner.

Inizialmente, quando ci si immerge in una relazione, lo si fa “con tutte le scarpe”, cioè senza valutare passo per passo ogni indizio. Anzi, spesso, si tendono a trascurare dei segnali che ad un certo punto diventa essenziale saper cogliere e decifrare.

Questo perché gli inizi sono sempre magici, ed a spingere un soggetto verso un altro soggetto sono dei fattori che con il passare del tempo possono non bastare più. Non si può fondare una vita con una persona e dei progetti futuri sull’attrazione reciproca, e nemmeno sulla condivisione di interessi o sulla forte simpatia.

Gli errori nella scelta del partner

L’errore che spesso si commette, e che principalmente fanno le donne, è quello di intraprendere una relazione sentimentale nel momento sbagliato della propria vita. Infatti, le storie nate per bisogno d’affetto, per colmare un vuoto, per eccessiva solitudine o per mettere in atto la classica tecnica del “chiodo scaccia chiodo” difficilmente sono destinate a durare nel tempo e ad evolversi in qualcosa di più serio. In questi casi è più facile chiudere un occhio (o anche due) sui difetti del partner, che a volte si rivelano con il tempo incompatibili con la visione di coppia che si ha.

Il consiglio essenziale quindi è quello di pensare prima di tutto alla propria vita, di stare bene con sé stessi, perché se non si sta bene in uno non si può di certo stare bene in due. Bisogna valutare ogni aspetto della propria esistenza in quel momento, e chiedersi se si è nel momento più propizio per far entrare qualcuno nella propria vita senza trascurare gli altri valori e le opportunità che il mondo propone.

Un altro degli errori più frequenti è quello di idealizzare. Spesso si tende ad avere un’idea troppo aleatoria di un rapporto e di un ipotetico partner che si tende a scartare chi non si avvicina a questa concezione, senza considerare che invece potrebbe essere proprio la persona giusta.

Al contempo, però, bisogna pensare che si hanno idee troppo diverse ed addirittura contrastanti riguardanti aspetti della vita essenziali, potrebbe essere impossibile trovare un punto d’incontro. In questi casi il consiglio è, se si ha un’età tale da avere un quadro della propria vita chiaro, di mettere le carte in tavola già dai primi momenti del rapporto in modo da capire se la persona che si ha davanti condivide gli aspetti considerati essenziali per una buona riuscita del rapporto.

Per esempio, per una persona che ama i bambini, infatti, sarebbe un sacrificio stare con qualcuno che non intende avere figli. Uno dei due potrebbe fare un passo indietro per accontentare l’altro, ma vale la pena sacrificare la propria felicità per sempre?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi